Si può vivere senza sognare? Si può vivere senza una speranza? Si può vivere senza credere in qualcosa? Probabilmente si, ma forse non ne varrebbe la pena!

Nella mia mente ho un sogno, nel mio cuore ho un desiderio: riuscire a non distruggere la natura che mi circonda. E da qui nasce Kimerò.

Che cos'è Kimerò?

Amo pensare che sia un'idea per rendere il futuro possibile. Se ci fermiamo a riflettere, con un pizzico di autocritica, è facile intuire che noi ignoriamo ciò che sta dietro alle nostre abitudini e alla routine quotidiana, il Dio progresso non può essere sempre sinonimo di distruzione.

Abbiamo bisogno della Terra, non possiamo sovrasfruttarla, altrimenti non potremo più coltivarla; abbiamo bisogno dell'Acqua, non possiamo inquinarla, altrimenti non potremo più bere e abbiamo bisogno dell'Aria, perchè se avveleniamo anche questa non riusciremo più a respirare... Abbiamo il dovere morale di pensare al progresso compatibilmente con la natura che ci circonda. Abbiamo quindi il dovere di pensare e creare prodotti sostenibili.E questi devono essere accessibili alle tasche di tutti perchè una nicchia di mercato non cambierà mai il mondo.

Non saranno mai le certificazioni, quante esse siano, a salvare l’ambiente che ci circonda se chi produce non avrà ben chiaro nella sua mente i concetti di etica, di morale, di onestà intellettuale.Personalmente non contesto la giustezza e l’opportunità delle certificazioni, quanto piuttosto le forme di applicabilità. Oggi vengono usate da molte aziende con il solo scopo di difendere nicchie di business ad alto valore aggiunto e questo per me è totalmente sbagliato.

Queste mie affermazioni mi attireranno le antipatie di molti, in quanto potrebbero ledere singoli interessi economici ma, come ho sempre fatto nella mia vita, seguirò le mie idee e sarà il tempo a dire se ho seguito la strada giusta o se mi sono perso in qualche piccolo vicolo.

Da sognatore, quale sono, amo sperare che le future generazioni  riescano a vedere sbocciare un fiore in un qualsiasi giardino piuttosto che in un museo o in un laboratorio sotto una campana di vetro.

[ Piergiulio ]

Filosofia 23 09 2013